Double face. Nessuna isola come Ios può svelare diversi volti di se stessa con tanta grazia ed eleganza. Non siamo certamente di fronte solo al paradiso del party e della vita notturna che richiama ragazzi da tutta Europa e Australia. Ios cambia muta come un serpente a seconda dell’ora della giornata: la mattina presto quando tutti dormono è ancora quel magnifico paesino Cicladico che segue senza troppi pensieri i suoi ritmi di vita, da sempre.

“Ios è per chi non ha pregiudizi. Casinista ma anche incredibilmente autentica, quest’isola vale bene una messa.”

Si nota ancora un’evidente quotidiano tipicamente greco, e basta fare un giro a Chora e incontrare qualche contadino va a far la spesa in asino, per accorgersene, o scendere al porto e incrociare chi ripara le reti da pesca a lato della propria barca, aspettando la sera per scendere in mare e pescare fresco per i tanti ristoranti dell’isola.

Ios
La Chora

Ios è infatti parte di quel mondo che ci piace descrivere come “profondo sud”, e che in Grecia si assapora così bene tra le isole cicladi più lontane da Atene. Paros e Naxos sono lontane, incredibilmente, da qui. Là si respira la modernità, un’atmosfera cosmopolita e aperta. Qui, meno. Gli abitanti sono veri isolani, gente “nissiotika” (nisì=isola) come direbbero i greci, gente di mare, vecchi pirati, abiti neri e facce arse dal sole. Per chi ama la tradizione queste isole non dovrebbero essere evitate. Ios, Sikinos, Anafi, Santorini (eggià, anche lei dietro le cortine del turismo svela una maschera da socialità antica). È una linea di demarcazione importante e sorprendente, per chi fosse rimasto fermo al luogo comune che vede Ios come isola esclusivamente per teenager tutti alcol e ore piccole.

io
Le colline di Ios

Come tutti i luoghi comuni, però, anche questo ha il suo fondo di verità. Perlomeno lo ha avuto. Negli ultimi decenni questa era l’isola del party globale. Oggi le cose sono un pò cambiate, rallentate, ma ancora dal tardo pomeriggio, la gioventù prende possesso della città. E cominciano le danze, le bevute, la musica alta, tutto il villaggio si trasforma in una festa a cielo aperto. Che finisce solo quando le ultime forze cedono il passo al sonno, e già che le somiglianze con Mykonos sono parecchie. L’estate è proprio una stagione folle, in questi anni di turismo e di crisi: celebra il suo rito pagano a pochi metri di distanza dalla dolce e melanconica meditazione, in cui Ios è immersa per buona parte dell’anno. Togli il turismo e l’economia è pura sussistenza, in un luogo da favola. Con spiagge, appunto, da mille e una notte. Come non amare questo Giano bifronte?

© Testo Andrea Pelizzatti © Foto Katerina Pouliaki

Non sapevi che

La tomba di Omero si trova proprio a Ios.Così almeno dice la leggenda, visto che non siamo nemmeno certi che il sommo poeta sia realmente esistito. Cercala quest’estate sopra la collina di Psathopirgo.
Nei tempi moderni invece, Ios, appare in pellicola come set del film italiano Dillo con Parole Mie , del 2003!

 

  • Dove dormire a Ios La nostra scelta di Hotel, Studios, Appartamenti & Case Vacanze