La terra è fertile. E poi laghi e fenicotteri…

Limnos è per chi ama il Nord della Grecia, è intraprendente e odia le folle. E ancora è incuriosito da dune, saline, e spettacolari formazioni rocciose.
L’isola più appartata e solitaria dell’Egeo offre tutto questo e si trova nella parte settentrionale di questo mare così incredibile, a circa 8 ore di traghetto da Salonicco, in compagnia solo della sua sconosciuta sorella minore, la piccola e ancora più sconosciuta Agios Efstratios.
Per molti Limnos, o Lemnos, semplicemente non esiste. Forse è proprio per questo che le vogliamo così bene. Forse è proprio per questo che siamo di fronte al classico uovo di colombo. Le spiagge deserte ad agosto, desiderio di tutti, esistono e sono pure segnate sulla cartina.

Limnos, una grecia curiosa

Non sarà fatica sprecata quella per raggiungerla, perché Limnos è davvero una sorpresa e una destinazione stravagante, valida e ben custodita, un luogo dove il turismo si sposa in armonia con la cultura locale senza distruggerla, trovando anzi un equilibrio così difficile da realizzare altrove.
È un’isola serena e solare, vecchio stile e vecchie maniere. In questa Grecia sempre più globalizzata, è un sano ritorno alla realtà.  Limnos ha una personalità forte, quell’atmosfera malinconica che si vive solo nell’arcipelago a cui appartiene, verace ed affascinante, l’Egeo Nord-Occidentale.
Data la sua posizione, Limnos è stata teatro d’importanti scontri durante la prima guerra mondiale: visita il cimitero del Commonwealth che si trova nel secondo villaggio per importanza, Moudros per ricordare il nostro passato di europei.

Limnos isola

Omero racconta

Sappiamo quanto poco si conosca dell’autore fondamentale della narrativa greca antica. Senza Iliade e Odissea sarebbe stato veramente impossibile conoscere qui miti imprescindibili della civiltà occidentale. Quando parla di Limnos, scopriamo per Omero questa era la terra del vino più pregiato di Grecia. Che veniva scambiato con metalli preziosi e animali rari.

Parliamo anche di Limnos qui:
Astypalea e Limnos: le isole farfalla!

© Testo Andrea Pelizzatti © Foto Katerina Pouliaki